Il letto, ricettacolo di batteri. Parla l’esperto: cosa rischi, ogni quanto cambiare le lenzuola. Dati paurosi

Un vero e proprio covo di batteri lo si trova nel posto meno sospettabile: il letto dove si dorme.

Secondo un recente studio scientifico, questo luogo è pieno di secrezioni vaginali, funghi e batteri di ogni genere. Per non rischiare di contrarre malattie, il letto andrebbe rifatto completamente almeno una volta alla settimana.

Philip Tierno, microbiologo dell’Università di New York ha condotto uno studio dove asserisce che il letto è il posto dove si trovano più batteri in assoluto. E’ una parte della casa dove si passa circa un terzo della propria vita e dovrebbe essere fonte di benessere.

Da un recente studio scientifico, il famoso microbiologo ha potuto constatare – attraverso un test mirato – che le lenzuola contengono secrezioni vaginali e non, batteri e funghi: ovvero tutto ciò che compromette organismo e può far insorgere patologie varie, come quelle della pelle. La ricerca condotta e riportata da “Focus” , conferma che in un anno il corpo umano è in grado di lasciare sul cuscino circa 17 tipologie differenti di funghi.

Non solo: l’essere umano produce circa 27 litri di sudore, soprattutto durante le ore notturne di riposo. Il consiglio è quindi quello di cambiare lenzuola – disinfettando cuscini e materasso – almeno una volta alla settimana. E voi, quante volte cambiate le lenzuola?

Facebook Comments