Il carabiniere e il dettaglio importante che non era ancora stato rivelato “Quando ci siamo lasciati lei mi ha…”.

Il carabiniere e quel dettaglio che non era mai emerso…

Emerge un nuovo, clamoroso dettaglio mai rivelato prima dal carabiniere 40enne accusato insieme a un collega di stupro ai danni di due studentesse americane a Firenze.

Ci siamo lasciati bene“, ha spiegato l’agente, l’unico dei due a parlare con gli inquirenti. La 21enne americana gli avrebbe pure lasciato il numero di telefono.

Il carabiniere di 45 anni, sposato e padre di due figli, che sabato si è presentato spontaneamente in Procura per raccontare la sua versione dei fatti, avrebbe aggiunto questo dettaglio agli inquirenti, riporta il Giornale.

Un particolare che dimostrerebbe – come sostiene il militare – che non c’è stato stupro ma che la studentessa americana era consenziente. 

E mentre si attendono gli esiti degli esami del dna sulle tracce biologichelasciate nel palazzo e all’accusa di violenza sessuale si aggiunge l’aggravante dalla “minorata difesa” delle due ragazze, emergono anche altri dettagli.

Come il video che è al vaglio degli inquirente che la ragazza di 21 anni avrebbe involontariamente girato nel tentativo di chiamare aiuto con il cellulare.

Nei fotogrammi si vedrebbero i pantaloni della divisa e il fodero della pistola di uno dei carabinieri, poco prima degli abusi.

Facebook Comments