Caccia una velata dall’aula “Rispetta la mia cultura”: il giudice ‘orgoglio italiano’

Vietato il velo islamico in tribunale.

Un episodio che sta facendo molto discutere, al Tar di Bologna, dove la praticante di un ufficio legale è stata costretta ad abbandonare l’udienza dal presidente della seconda sezione del Tar dell’Emilia Romagna, Giancarlo Mozzarelli.

La ragazza, musulmana di 25 anni e praticante presso l’ufficio legale dell’università di Modena-Reggio Emilia, si chiama Asmae Belfakir.

Secondo quanto riferito dall’Agi, si era presentata a un’udienza su un ricorso su una sospensione cautelare per alcuni appalti, ma subito dopo l’inizio il giudice le ha chiesto o di togliere il velo o di lasciare l’aura.

La 25enne si è rifiutata di palesare il suo volto ed è uscita. Successivamente, sempre all’Agi, la Belfakir ha affermato: “Non mi era mai successo prima. Ho assistito a decine di udienze, anche qui al Tar e nessuno mi aveva mai chiesto di togliere il velo.

Nemmeno al Consiglio di Stato. Anche perché non si può assolutamente parlare di problema di sicurezza perché il velo tiene il volto scoperto e quindi sono perfettamente identificabile. Sono sconvolta”.

Mentre la ragazza lasciava l’aula, il giudice avrebbe affermato: “Si tratta del rispetto della nostra cultura e delle nostre tradizioni”.

Facebook Comments